Come rateizzare acrtella esattoriale

Posso rateizzare il pagamento di una cartella esattoriale?

Sei un imprenditore delle Provincie di Parma, Reggio Emilia, Piacenza, Cremona? Sei alle prese con una cartella esattoriale e non sai come fare per saldare il debito? Non disperare, perché esiste una soluzione: la rateizzazione del pagamento. In questo articolo, ti spiegheremo come funziona e quali sono i vantaggi di optare per questo tipo di soluzione.

Cos’è la rateizzazione del pagamento di una cartella esattoriale?

La rateizzazione del pagamento di una cartella esattoriale è una soluzione che consente di suddividere il debito in rate mensili, in modo da renderlo più sostenibile dal punto di vista economico. In questo modo, si evita di dover affrontare un’imposizione fiscale in un’unica soluzione, che potrebbe rappresentare un onere troppo gravoso per le proprie finanze.

Come funziona la rateizzazione del pagamento?

Per richiedere la rateizzazione del pagamento, è necessario presentare apposita istanza all’ente creditore entro i termini previsti dalla legge. In genere, l’ente erogatore valuta caso per caso la richiesta, in base alla situazione economica del debitore e all’entità del debito da saldare. Qualora la richiesta venga accolta, verrà stipulato un accordo che prevede il pagamento della somma dovuta in un determinato numero di rate mensili.

Quali sono i vantaggi della rateizzazione?

I vantaggi della rateizzazione del pagamento di una cartella esattoriale sono molteplici. In primo luogo, si evita di dover affrontare un esborso di denaro troppo elevato in un’unica soluzione, con conseguente maggiore tranquillità finanziaria. Inoltre, questa soluzione permette di mantenere la propria regolarità contributiva, evitando eventuali sanzioni e interessi di mora. Infine, la rateizzazione del pagamento consente di evitare l’iscrizione del debito nel registro dei protesti, con conseguente danno per la propria reputazione creditizia.

Conclusione

In conclusione, se ti trovi in difficoltà con una cartella esattoriale, la rateizzazione del pagamento può rappresentare una soluzione efficace e vantaggiosa. Ricorda di presentare la richiesta entro i termini previsti dalla legge e di valutare attentamente le condizioni dell’accordo prima di sottoscriverlo. In questo modo, potrai gestire il tuo debito in modo più sostenibile e tranquillo.

Se hai bisogno di saperne di più non esitare a contattarci, saremo lieti di darti tutte le informazioni a riguardo.

PNRR e borghi, ripresa economica

Imprese e borghi: il PNRR a supporto della ripresa economica

L’Italia è fatta di borghi incantevoli, spesso poco conosciuti ma pieni di storia e di vita. Tra questi, quelli di Cremona, Parma, Reggio Emilia e Piacenza rappresentano un patrimonio culturale e artistico di inestimabile valore.

Tuttavia, i borghi italiani sono anche luoghi dove la crisi economica degli ultimi anni ha fatto sentire il suo peso, con la chiusura di attività commerciali e l’emigrazione dei giovani in cerca di lavoro.

Ma c’è una speranza: il PNRR, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, prevede una serie di investimenti per sostenere la ripresa economica del Paese, anche attraverso lo sviluppo dei borghi e delle piccole imprese che vi operano.

Cos’è

L’iniziativa “Imprese Borghi” mira a sostenere lo sviluppo di attività imprenditoriali nei territori di 294 comuni a rischio abbandono o abbandonati, attraverso l’assegnazione di risorse finanziarie. Il finanziamento previsto dal PNRR, Missione 1 – Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura, Componente 3 – Cultura 4.0 (M1C3), Misura 2 “Rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale, religioso e rurale”, Investimento 2.1 “Attrattività dei borghi storici” ammonta a 188 milioni di euro e la misura è gestita da Invitalia sotto la guida del Ministero della Cultura.

Cosa finanzia

I progetti finanziati riguarderanno attività culturali, creative, turistiche, commerciali, agroalimentari e artigianali che mirano a rilanciare le economie locali, valorizzando i prodotti, i saperi e le tecniche del territorio.

I progetti dovranno promuovere in modo innovativo la rigenerazione dei piccoli Comuni attraverso l’offerta di servizi per la popolazione locale e per i visitatori, nonché la sostenibilità ambientale. I progetti che riducono le emissioni inquinanti, i consumi, lo smaltimento dei rifiuti e promuovono l’economia circolare sono particolarmente incentivati.

Saranno finanziati progetti fino a 150.000 euro, comprendenti sia le spese di investimento che il capitale circolante, da realizzare entro 18 mesi e comunque non oltre il 31 dicembre 2025.

A chi si rivolge

Le agevolazioni offerte sono destinate a micro, piccole e medie imprese che presentano iniziative imprenditoriali sia in forma singola che in aggregazione. Queste imprese possono essere già costituite o avere l’intenzione di costituirsi in forma societaria di capitali o di persone, inclusi ditte individuali e società cooperative, associazioni non riconosciute, organizzazioni dotate di personalità giuridica non-profit, nonché enti del terzo settore. È necessario che queste imprese siano iscritte o in corso di iscrizione al Registro Nazionale Terzo Settore (RUNTS).

Le agevolazioni

L’iniziativa Imprese Borghi in Italia offre risorse finanziarie per attività culturali, creative, turistiche, commerciali, agroalimentari e artigianali in comunità a rischio o abbandonate. L’incentivo è aperto sia alle imprese a scopo di lucro che a quelle non a scopo di lucro, nonché a organizzazioni non a scopo di lucro e enti del terzo settore. L’iniziativa mira a sostenere progetti innovativi che rigenerano le piccole comunità offrendo servizi alla popolazione locale e ai visitatori, promuovendo la sostenibilità ambientale proponendo soluzioni di riduzione dell’inquinamento. Le imprese micro, piccole e medie, esistenti o in fase di costituzione, sono ammissibili per il finanziamento. Il sostegno è limitato a €75.000, o fino al 90% delle spese ammissibili e, se le condizioni lo permettono, è possibile ricevere fino al 100% delle spese ammissibili. La domanda può essere presentata entro l’11 settembre 2023.

Il PNRR e la sostenibilità ambientale

Uno dei principali obiettivi del PNRR è quello di favorire la sostenibilità ambientale, con l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra e promuovere l’economia circolare.

In questo senso, i borghi possono rappresentare un esempio virtuoso, grazie alla loro dimensione ridotta e alla vicinanza tra le attività commerciali e le abitazioni. Inoltre, molti borghi hanno una forte tradizione agricola e artigianale, che può essere valorizzata attraverso la produzione di energia rinnovabile e la riduzione degli sprechi.

Il PNRR e lo sviluppo delle imprese

Il PNRR prevede anche una serie di interventi per sostenere lo sviluppo delle imprese, in particolare delle piccole e medie imprese (PMI).

In questo senso, i borghi possono rappresentare un’opportunità per le PMI, grazie alla possibilità di valorizzare la loro attività in un contesto unico e di alta qualità. Ad esempio, le attività turistiche possono essere sviluppate attraverso la valorizzazione delle bellezze naturali e culturali dei borghi, ma anche attraverso la creazione di eventi e manifestazioni.

Il PNRR e la digitalizzazione

Infine, il PNRR prevede una serie di investimenti per favorire la digitalizzazione delle imprese e dei servizi pubblici.

Anche in questo caso, i borghi possono rappresentare un’opportunità, grazie alla diffusione della connessione internet e alla possibilità di sviluppare servizi innovativi basati sulla tecnologia. Ad esempio, le attività commerciali possono sfruttare le piattaforme online per raggiungere nuovi clienti, mentre i servizi pubblici possono essere resi più efficienti attraverso l’uso di applicazioni e strumenti digitali.

Conclusioni

In conclusione, il PNRR rappresenta una grande opportunità per sostenere la ripresa economica del Paese, anche attraverso lo sviluppo dei borghi e delle piccole imprese che vi operano.

Le regioni di Cremona, Parma, Reggio Emilia e Piacenza, con i loro borghi incantevoli e la loro forte tradizione artigianale e agricola, possono rappresentare un esempio virtuoso di come la sostenibilità ambientale, lo sviluppo delle imprese e la digitalizzazione possano essere integrati in un progetto di valorizzazione del territorio e di crescita economica.